Corsi OSA – HACCP

25,0060,00

Clear selection
COD: alimentari Categoria:

Descrizione

Operatore del settore alimentare (OSA) e Responsabile della procedura di autocontrollo HACCP – ex Reg. (CE) 852/2004 e D.Lgs. 193/2007

Tutti gli operatori del settore alimentare devono ricevere adeguata formazione sull’igiene dei prodotti alimentari come previsto dal Regolamento (CE) n. 852/2004 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 29 aprile 2004, al Capitolo XII.

In particolare gli operatori del settore alimentare – come riportato al Capitolo XII “Formazione” dell’Allegato II del Regolamento – devono assicurare:

– che gli addetti alla manipolazione degli alimenti siano controllati e/o abbiano ricevuto un addestramento e/o una formazione, in materia d’igiene alimentare, in relazione al tipo di attività;

– che i responsabili dell’elaborazione e della gestione della procedura autocontrollo, o del funzionamento delle pertinenti guide abbiano ricevuto un’adeguata formazione per l’applicazione dei principi del sistema HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points);

– che siano rispettati i requisiti della legislazione nazionale in materia di programmi di formazione per le persone che operano in determinati settori alimentari.

Gli addetti al settore alimentare devono essere formati e addestrati in maniera adeguata ma il regolamento europeo 852/2004 tuttavia non entra nel merito di come questa formazione debba essere erogata, demandando la questione ad ogni singolo stato membro. In Italia, le modalità di svolgimento della formazione sono regolate da specifiche leggi regionali. Ne consegue che ogni regione risulta autonoma nel disciplinare la formazione degli addetti e dei responsabili del settore alimentare in materia di igiene e applicazione del sistema HACCP.

Questa situazione crea grande eterogeneità, con evidenti differenze tra le normative regionali.

I corsi HACCP ovunque svolti, se validi nella Regione a cui appartiene l’ente che li ha organizzati, sono utilizzabili su tutto il territorio nazionale.  Gli attestati hanno validità nazionale per mutuo riconoscimento dei corsi ai sensi della Direttiva Europea 2005/36/CE recepita con D.Lgs. 206/2007.

Sulla base della libera circolazione dei lavoratori e dei titoli professionali legittimamente conseguiti all’interno del medesimo ordinamento giuridico statale e nel quadro di comuni regole sovranazionali, una Regione può prevedere l’obbligo dei corsi in aula, ma non può impedire l’uso sul territorio di corsi validamente svolti in altre Regioni anche in sola modalità online.

A tal proposito il TAR Lazio con ordinanza numero 1179/2010 ha riconosciuto la validità della formazione a distanza per l’erogazione dei corsi in materia di HACCP. Il Consiglio di Stato con sentenza numero 4290/2010 ha confermato la sentenza del TAR Lazio.